Come rimuovere il ciuccio bambino

Come rimuovere il ciuccio bambino

pio3 / Shutterstock

Lui ama, troll dappertutto, venera … È normale, dato che il ciuccio lenisce e ricorda l'alimentazione data dalla mamma. Inoltre, l'allattamento è un riflesso che il tuo bambino stava già praticando nello stomaco.

È quindi facile capire perché ha tanta difficoltà in rinunciare a lei fa schifo. Alcuni esperti dicono che devi iniziare a pianificare svezzamento a circa un anno. Altri dicono che all'età di due o tre anni è ora di pensarci. Certamente, per iniziare questo passo, richiede pazienza e coerenza.

Prima di agire:

Essere pronti

Prima di tutto, devi essere pronto. È il tuo bambino, e non avere più schifo può avere più impatto di quanto pensi delle tue emozioni. Devi prima chiediti perché vuoi fermarlo. Se è perché così e così lo dici, è una scommessa sicura che non riuscirai con lo svezzamento. Devi essere convinto te stesso che è il momento di farlo (per i tuoi denti, l'ingresso a scuola, perché ritarda l'acquisizione del linguaggio, perché non può vivere senza …)

Un coniuge è d'accordo

Assicurati che il tuo coniuge sia d'accordo con la tua decisione e usi gli stessi metodi che hai.

Parla con il tuo bambino

Digli le ragioni che giustificano questo ritiro di schifo in modo che non lo veda come una punizione, ma come un passo necessario.

Aspetta il momento giusto

Aspetta il momento giusto per iniziare lo svezzamento. Se ti stai trasferendo, in attesa di un bambino, ti stai sciogliendo, cambiando la cura del giorno, cercando di renderlo pulito, o di ammalarti, non è davvero un buon momento. Anche tu devi sentirlo pronto. Succede, tuttavia, che i bambini non lo sono mai; è lì che devi essere solido e solido, senza essere brusco. Ci vuole la diteggiatura per non creare ripercussioni psicologiche.

Quando sei pronto e lo senti pronto:

Limitare l'uso

Inizia limitando l'uso del ciuccio solo durante le uscite speciali che lo rendono un po 'più nervoso o durante momenti speciali, ad esempio il sonno. Se lo chiede nel bel mezzo della giornata, daglielo, ma cerca di riempirlo con un gioco che gli farà perdere interesse nel suo ciuccio o gentilmente lo tirerà fuori mentre è tutto concentrato a questo nuovo gioco.

coinvolgere il

Invitali a prendere parte alla decisione dicendogli, ad esempio, che è abbastanza grande da lasciare il ciuccio, ma se lo desidera, può sostituirlo con una coperta o un peluche.

Chiedigli come

Chiedigli quale sarebbe il modo migliore per liberarsene: vuole mandarlo alla fata delle caramelle per posta? Imballarlo e tenerlo sotto l'albero quando Babbo Natale arriva? Vuole mandarlo a un bambino più piccolo che ne ha bisogno (puoi mandarlo a tua madre … probabilmente non sa ancora leggere!)? O forse più semplicemente lo getterà nella spazzatura stessa, perché è grande ?!

incoraggiarlo

Incoraggiarlo, congratularsi con lui! Puoi fare un calendario con i premi facendogli mettere un adesivo ogni giorno che non ha preso il suo ciuccio. Tranquillamente, perderà l'impulso di chiedere e potrebbe persino dimenticare gli adesivi. Inoltre, dargli una ricompensa dopo un po 'sottolineando il fatto che ci è riuscito e che ha dimostrato che non ha più bisogno di succhiare!

Consultare un professionista

Specialista: se puoi, chiedi aiuto a un pediatra o un dentista che possa spiegare a tuo figlio i motivi della rimozione del ciuccio. Un'autorità esterna spesso ha un grande impatto sulle reazioni e sulle decisioni del nostro stesso bambino.

Attenzione

Questa transizione può richiedere pazienza. Se non va abbastanza veloce per i tuoi gusti, non umiliarlo trattandolo come un bambino o confrontandolo con altri bambini. Può solo ferirlo, renderlo ansioso e dargli più desiderio di tenere il ciuccio, che ovviamente va contro l'obiettivo.

Reazioni normali

Rimani forte e non floppare. È normale per il tuo bambino provare emozioni come rabbia o tristezza durante lo svezzamento. Rassicuralo, convincilo e soprattutto non cercare di comprare la pace dandogli tutto il tempo. Potrebbe solo ritardare il processo che ricomincerebbe. Ha bisogno di te. Sii lì!

Violaine Dompierre, editrice Canal Vie

Like this post? Please share to your friends:
Leave a Reply

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: